Wishlist0Item(s)

Accedi o Registrati
per accedere alla tua wishlist.

Carrello0Item(s)

Accedi o Registrati
per procedere con il tuo ordine.

Il prodotto è stato aggiunto al carrello.

Blog Ales&Co

  • Il cinefilo beer lover

    Alla ricerca della birra perfetta per gli appassionati di Cinema

    cinema e birra

    Vi vediamo passare le vostre serate sul divano comodi comodi, intenti a guardare un film dopo l'altro. È normale, anche noi stiamo dando fondo alla lista di preferiti online e alla collezione di dvd, attestiamo anche un appassionato vintage che ha recuperato i VHS.
    Immancabile ovviamente una birra in abbinamento, ma quale? Abbiamo raccolto insieme ai ragazzi del Cinema Odeon di Bologna gli spettatori tipo che immaginiamo in ogni casa e abbiamo individuato per lui l’abbinamento brassicolo perfetto.
    Se avete bisogno di ispirazione sul film della serata, miocinema.it "(con cui supportate le sale del circuito!) è sicuramente la piattaforma a cui affidarsi. Per quanto riguarda l'abbinamento invece, potete dare un'occhiata qui sotto.

    Il cinefilo solitario: guardare un film è un rito che va svolto in totale concentrazione e da solo. Non sono ammessi snack che possano fare rumore o dispositivi nelle vicinanze. 
    La birra del Cinefilo Solitario è morbida, vellutata e riflessiva proprio come Broken Dream di Siren Craft Brew, Stout che con le sue note di caffè e cioccolato al latte ci accompagna nelle meditazioni più profonde.

    Rogue Honey Kolsch

    Il cinefilo di compagnia: ognuno seduto composto nella sua postazione in totale silenzio. No snack no commenti. Alla fine del film seguirà una lunga chiacchierata (ore e ore) per valutare il film. 
    I cinefili da compagnia sono raramente d’accordo nelle valutazioni dei film, ma in fatto di birra non hanno dubbi e brindano con Honey Kolsch di Rogue Ales che con la sua dolcezza ed il profilo floreale è in grado di mettere tutti d’accordo

    Il gruppo di amici: un giorno alla settimana dev’essere dedicato alla visione di un film. Che si possa stare fisicamente in compagnia oppure collegati su Skype, vedere un film significa commentare, mangiare e passare del tempo per svagarsi insieme. 
    Caciaroni e dalla battuta pronta, gli amici hanno sempre diverse lattine di Punk IPA in frigo. La birra che ha dato vita al fenomeno BrewDog con la sua luppolatura agrumata e tropicale ed un amaro deciso, è nata in un garage proprio dalla passione di due amici, ed è per questo che si adatta a tutte le serate, anche a quelle online.

    Arrogant Bastard

    La coppia: pizza + film = ❣️
    Vicini vicini si ride o ci si commuove, si guarda una tragedia struggente o una commedia sociale. La coperta non può mai mancare Ci siamo interrogati a lungo su una birra che si adatti bene ad una serata divano-coperta-film, poi l’illuminazione: Arrogant Bastard. Probabilmente la birra più iconica di Stone Brewing, si apre con morbide note maltate per poi evolversi in una chiusura dall’amaro tagliente. Puoi amarla o odiarla, proprio come il film che hai lasciato scegliere al tuo compagno di divano.

    La famiglia: un divano e due poltrone non bastano. Tanto cibo sul tavolo e 3 ore per scegliere il film da guardare. Alla fine, lasciando qualcuno scontento, inizierà finalmente la visione. Il cinema è anche una bellissima tradizione di famiglia, così come la birra per Schwarzbraeu. Questo birrificio nato a metà del 1600, da quasi 100 anni è di proprietà della famiglia Schwarz che con ricette antiche e tutta la cura immaginabile, produce fresche Helles e morbide Dunkel da condividere a tavola o da godersi dopo cena sul divano.

    Nor Hop Moor

    Lo scettico: finalmente trovi il tempo per recuperare dei film consigliati dagli amici. È difficile però accontentarti, hai dei gusti difficili, di tutti quei film pochi ti piaceranno davvero. Ancor prima del film non sei totalmente convinto e durante tutta la visione penserai “non fanno più i film come una volta” Lo scettico ha bisogno di una birra che lo rispecchi a pieno, una birra elegante prodotta con le migliori tecnologie ma con radici ben salde nella tradizione. Per questo non può che scegliere una lattina di Nor’Hop di Moor, una Pale Ale dallo spiccato carattere floreale ed agrumato su una leggera base maltata. Un bilanciamento luppolo-malto in grado di trovare risposta ad ogni ragionevole dubbio.

    L’ esaltato: schermo 50 pollici, dolby surround ultima generazione, vagonata di popcorn e una saga con più esplosioni e robot nella storia del cinema (che hai già visto 100 volte è ovvio). Volume altissimo, vicini messi a dura prova e battute a memoria. 
    Eccessivo ed entusiasta, l’esaltato cerca una una birra che assecondi la sua indole. E niente potrebbe farlo meglio di Gose to Hollywood. Una dei simboli degli eclettici ragazzi di To Øl, in questa birra si combinano la sapidità e la leggera acidità tipiche di questo stile, ed una vena agrumata grazie alla scorza d’arancia aggiunta in infusione. Da bere a tutto volume sul red carpet in salotto.

    Millionaire Wild Beer

    Il curioso: “ora cosa succede?” “Perché ha girato a destra?” “Cosa accade?” “Chi è quella persona?” Tutti noi ci siamo imbattuti almeno una volta nel chiacchierone curioso. Non può aspettare lo scorrere delle vicende che deve farti tante domande. È adrenalinico e impaziente, si lascia coinvolgere e ha reazioni altamente esagerate. 
    Il curioso vuole scoprire sempre gusti nuovi, esplorare i confini dell’arte cinematografica e birraria. Per questo ha sempre in frigo almeno 3 o 4 birre diverse di Wild. Da Yokai a Millionaire, il birrificio del Somerset si fa riconoscere (ed amare) per le sue birre prodotte con un occhio ad ingredienti e fermentazioni speciali, ispirate alle materie prime offerte dalla campagna britannica e dalle cucine del mondo, pur mantenendo bevute equilibrate e versatili.

  • Ales&Co 2020: cosa ha funzionato nell’anno del Covid-19

    Le ultime settimane di dicembre sono sempre dedicate ai bilanci e in un anno come il 2020 è ancora più importante fare il punto sulle 5 cose che hanno funzionato di più per prepararsi con ancora più attenzione e grinta al 2021.

    soundwave ipa siren craft brew
    Continua a leggere
  • Christmas at Ales&Co!

    Sour Grinch - BrewDog Overworks

    È un fatto: ci aspettano festeggiamenti diversi durante queste feste. Anche noi quest’anno abbiamo rinunciato al tradizionale pranzo di Natale aziendale. Non siamo stati seduti tutti insieme attorno ad un tavolo, ma di sicuro festeggeremo come si deve
    Ecco perché con questo post sul blog sbirciamo nelle case di tutti chiedendo quale sarà la birra sulla tavola delle feste.

    Lorenzo e Natascia non hanno bisogno di presentazioni, hanno scelto due tra le birre che hanno apprezzato di più durante l’anno. Sour Grinch di Overworks per Natascia; Export Stout di The Kernel per Lorenzo.

    Continua a leggere
  • Craft Beer in the Kitchen

    Ricette ed abbinamenti birra-cibo firmati Stone Brewing

    Ricetta Stone Brewing Ripper

    Con i locali chiusi dopo le 18, è innegabile, passeremo più tempo in casa la sera. C’è chi ha già prenotato le sessioni di Crossfit online e chi ha rinnovato l’abbonamento a Netflix, tutto il resto di noi probabilmente sta già litigando con le signore davanti al banco frigo del supermercato per l’ultimo cubetto di lievito.
    Ed è proprio a chi vuole approfondire le proprie abilità in cucina che vogliamo parlare oggi. Per farlo vi consigliamo alcune ricette più o meno complesse in cui la pratica culinaria incontra il mondo della birra artigianale. Potete sbizzarrirvi, preparare una cena e allo stesso tempo esplorare l’universo birrario di Stone Brewing.
    Il birrificio di San Diego divenuto celebre per le sue bevute graffianti come Stone IPA e Arrogant Bastard, ha ingrandito la sua core line con nuove birre intriganti e di grande bevibilità come Buenaveza, Lager con Sale e Lime (protagonista di una delle ricette in basso!) e Neverending Haze con cui i birrai californiani si approcciano all’universo delle New England Ipa!

    Continua a leggere
  • Phantom Spirits

    Always expect the unexpected

    Mixen Phantom Spirits

    Nelle sue bottiglie il mondo dei distillati incontra il mondo della birra artigianale, il legno incontra ingredienti speciali, la cucina, la pasticceria e l’arte di selezionare erbe si combinano. Tutto viene tenuto insieme in armonia dal collante più forte al mondo: il tempo.
    Parliamo di Phantom Spirits. Realtà dalle mille sfumature, nata a Copenhagen nel 2015, merita di essere compresa a pieno. Per questo ci lasciamo accompagnare in questa scoperta da Mixen Lindberg, fondatore di Phantom ed una delle menti dietro agli incredibili Rum che oggi possiamo assaggiare.  L’abbiamo intervistato per voi!

    Come descriveresti Phantom Spirits? Come è iniziata questa avventura?
    Phantom Spirits è nato mentre lavoravo per Mikkeller. Dovevo creare un distillato in occasione di COPENHELL, un festival dedicato a band Heavy Metal e Hard Rock. Nel 2015 ho lavorato ad un assenzio infuso con sangue di lupo, in collaborazione con Frederik Plum di Den Klodsede Bjørn Vodka, ma ben presto abbiamo scoperto di avere molte più idee (e di divertirci molto di più) di quelle che ci permetteva di fare una sola release all'anno. Phantom Spirits è diventato così un vero e proprio side-project del birrificio. Nel 2018 ho deciso di lasciare ciò che stavo facendo per dedicarmi esclusivamente a Phantom Spirits, abbracciandone a pieno la filosofiia: always expect the unexpected.

    Continua a leggere
  • BrewDog Tomorrow, business as a force for good

    Quando bere birra artigianale fa bene al pianeta

    lattine brewdog

    Dal 2007 ad oggi i ragazzi di BrewDog hanno mostrato la loro indole rivoluzionaria in più di un’occasione. In questo 2020 così diverso dagli altri anni non si sono persi d’animo, hanno deciso di mettere in atto una nuova rivoluzione dimostrando quanto un’azienda possa fare la differenza.  Lo hanno fatto producendo gratis gel sanificante durante il lockdown, e lo stanno facendo in questi giorni dando vita ad una nuova avventura
    La nuova sfida dei ragazzi di Ellon riguarda la sostenibilità ambientale, piccole e grandi iniziative che cambieranno l’impatto di BrewDog sulla Terra, perché del resto abbiamo bisogno di un pianeta sano per produrre buona birra.

    Continua a leggere
  • Fourpure, inspired by adventure

    Dagli archi di Bermondsey, birre ispirate ai viaggi e alle avventure più folli

    birra fourpure

    Inspired by adventure, questo è il motto di Fourpure.
    Nato nel 2013 sotto gli archi della ferrovia a Bermondsey, Londra, è il progetto di due fratelli, appassionati viaggiatori e beer geek. Dopo un anno in viaggio esplorando i confini della scena craft statunitense e studiando da homebrewer, decidono di fermarsi in pianta stabile a Londra per condividere la propria passione con tutti e farne un lavoro.

    Continua a leggere
  • Sidro e sidri

    Storia, produzione ed interpretazioni di una delle bevande più antiche al mondo.

    varietà di mele Cornish Orchards

    Ottenuta dalla fermentazione alcolica di succo di mele, il sidro è una bevanda antichissima. Le prime tracce della sua esistenza risalgono a prima dell’anno zero, ma la bevanda così come è conosciuta e diffusa oggi, si ritiene che sia nata in Francia in epoca medievale.

    Sebbene possa essere usata qualsiasi varietà di mela per la produzione di sidro, oggi è piuttosto comune che questi vengano prodotti a partire di blend di varietà da sidro, da tavola e da dessert. Ogni varietà di mela, tenendo conto anche del momento in cui viene raccolta, porterà con sé un corredo aromatico diverso insistendo su acidità, dolcezza o sulla classica componente tannica e leggermente amara.  A seconda della provenienza geografica e dell’interpretazione dei sidrai, ogni prodotto può avere gradazioni alcoliche diverse che superano anche gli 8% abv.

    Continua a leggere
  • OverWorks

    Alla scoperta dell’inclinazione sour dei ragazzi di BrewDog

    Che per BrewDog quasi non ci siano limiti è cosa risaputa, dalle azioni di Marketing che li hanno portati a Londra su un carrarmato, a lanciare gatti da un elicottero e persino a proiettarsi nudi sulla House of Parliament britannica. Nel 2018 sono riusciti a lasciare il mondo della birra artigianale di stucco grazie ad un nuovo progetto, OverWorks.

    OverWorks è il primo progetto dei ragazzi di Ellon dedicato esclusivamente alle birre acide. Dai produttori della birra artigianale più bevuta di Inghilterra, nessuno si aspettava una virata verso prodotti di nicchia come le birre acide. James e Martin invece, ascoltando le insistenti richieste dei loro Equity Punks, hanno deciso di lanciarsi in questo progetto, cercando di avvicinare appassionati di birra e curiosi.

    Continua a leggere
  • Birra&Frutta

    Un rapporto fatto di equilibri e tecnologie complesse che può portare a piccole opere d'arte nel bicchiere

    Il rapporto tra frutta e birra ha radici antiche, si è evoluto nel tempo con il cambiare del gusto degli bevitori di birra e seguendo le tendenze del mercato.
    L’aggiunta di frutta comporta un notevole impegno tecnologico, in quanto si tratta di ingredienti con tempi di approvvigionamento diversi che possono rivelarsi difficili da gestire. In più è sempre necessario tenere in considerazione il rischio di infezione da lieviti selvaggi come i Brettanomyces che si trovano sulla buccia della frutta. Proprio per questi motivi non è raro che alcuni birrifici usino frutta in purea che mantenendo le caratteristiche organolettiche, è di più semplice gestione ed abbassa il rischio di contaminazione da Brettanomyces, dove non ricercati.

    Continua a leggere

Oggetti 1 a 10 di 303 totali

  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
  6. ...
  7. 31