Home NOTIZIE Ultime

Ultime

Risultati del concoro Homebrewers - XMAS - al Birrificio Italiano.

Ultime
Lunedì 28 Dicembre 2009 13:43

Pubblichiamo di seguito i risultati del concorso per homebrewers che si é svolto domenica 20 dicembre presso il Birrificio Italiano di Lurago Marinone (Co). Sia il concorso ufficiale che quello popolare hanno avuto un grande successo di partecipazione. Le due giurie all'opera, quella ufficiale e quella U.B.T. hanno utilizzato un nuovo metodo di giudizio che verrà utilizzato per il concorso Birra dell'Anno di Unionbirrai. Tale metodo prevede due assaggi: in un primo momento sono state assaggiate tutte le birre in concorso in modo da scegliere le 10 finaliste, che sono state di seguito riassaggiate in modo da stabilire la classifica finale e i vincitori. 

Molto interessante e utile la conferenza che ha visto la partecipazione di Davide Tessaro, Teo Musso, lo staff di Baladin, Michele Campari e Stefano Cossi dedicata alle bitter, seguita dalla degustazione di 5 esemplari di questo stile.

Ecco di seguito i risultati del concorso; i concorrenti non presenti alla premiazione e non hanno potuto quindi ricevere le schede relative alle proprie birre, riceveranno via posta la documentazione.

Primo classificato: Capriata Norberto

Secondo classificato: Sabini Alessandro

Terzo classificato: Fiorio Marco

Quarto classificato: Gattini Alessandro

Quinto e sesto classificato ex equo: Fabbri Luca e Porro Lorenzo

Settimo classificato: Alberto Lorenzo

Ottavo classificato: Zanni Alberto

Nono classificato: Curcio Roberto

Decimo classificato: Curcio Roberto 

 

Complimenti ad Agostino e al Birrificio che si sono fatti ancora una volta in quattro (è il caso di dirlo) per ospitare al meglio questa manifestazione di spicco nel panorama homebrewing italiano.

Ultimo aggiornamento Martedì 05 Gennaio 2010 13:46
 

Torna XMas concorso per homebrewers. Quest'anno protagoniste le Bitter

Ultime
Lunedì 07 Dicembre 2009 09:53

Domenica 20 dicembre presso il Birrificio Italiano di Agostino Airoli a Lurago Marinone (Co) si terrà la decima edizione di XMas, concorso birrario dedicato agli homebrewers. Quest'anno il concorso é dedicato allo stile inglese delle Bitter che verranno giudicate (trovate il programma in fondo all'articolo) da una giuria composta da birrai e giornalisti del settore, che stabiliranno quale sia la migliore. Il vincitore si aggiudicherà la possibilità di poter produrre la propria Bitter presso l'impianto del Birrificio Rurale a Certosa di Pavia (PV). 

stefanocossiwithbracia In mattinata si svolgerà presso il Centro Anziani di Lurago Marinone (vicino al birrificio) un convegno organizzato da Atelier Birra - contributo di partecipazione 10 € - dedicato alle bitter per scoprirne, anche attraverso una degustazione guidata, la storia e i segreti. Saranno presenti i birrai Steve Dawson (White Dog Brewery), Giovanni Campari (Birrificio del Ducato), Stefano Cossi (Thornbridge Brewery, nella foto), Teo Musso e/o Palli (Le Baladin) e ovviamente i birrai del Birrificio Rurale e Agostino Arioli per il Birrificio Italiano. Una bella occasione per poter conoscere in modo approfondito questo stile e le sue interpretazioni. Tra le altre saranno in questa occasione degustate la Bitter e la R.O.B. di Ridgeway. Per iscriversi a questo evento mandare una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Durante la giornata sarà possibile bere alla spina, oltre alla produzione del Birrificio Italiano, Milady di Birrificio Rurale, Bitter di White Dog Brewery, Bitter di Ridgeway, Niña di Baladin assieme ad altre birre artigianali.

Programma della giornata

Ore 9.30: ritrovo presso il Birrificio Italiano e aperture della manifestazione.

Ore 10.00: convegno con degustazione guidata sullo stile Bitter, presso il Centro Anziani di Lurago Marinone (50 metri dal birrificio).

Ore 11.30: apertura della cucina, con piatti freddi e caldi pensati per l'abbinamento alle Bitter.

Ore 11.30: inizio del concorso popolare.

Ore 14.00: visita dell'impianto di produzione del Birrificio Italiano.

Ore 14.00: chiusura del concorso popolare e scrutinio delle schede.

Ore 15.00: premiazioni del concorso ufficiale e del concorso popolare.

Ore 16.00: chiusura della manifestazione.

Ultimo aggiornamento Lunedì 07 Dicembre 2009 18:46
 

Tactical Nuclear Penguin

Ultime
Venerdì 27 Novembre 2009 11:29

tnp_2bottles02_440

Ancora notizie da BrewDog. Attraverso il sito del birrificio scozzese, James Watt e Martin Dickie hanno annunciato che la Tactical Nuclear Penguin ha raggiunto il grado alcolico di 32 %, che la rende la birra più alcolica al mondo, avendo superato i 31 % di una birra prodotta in Germania da Schorschbraer.

Dim lights

La Tactical Nuclear Penguin é stata sin dalla nascita pensata per tentare tecniche birrarie del tutto nuove e, come gli stessi birrai dichiarano sul loro sito, per andare oltre i limiti, portando ovunque l'innovazione. La birra "base" é una Imperial Stout da 10% lasciata invecchiare per 8 mesi in cask di whisky di Arran e per altri 8 in cask di Islay. Passati questi 16 mesi la birra é stata lasciata a -20º C, in un deposito di gelati, per tre settimane. In questo modo ha concentrato aromi e contenuto alcolico raggiungendo note gustative finora inesplorate e gradazioni assolutamente insolite per una birra. A queste temperature, infatti, l'acqua congela, mentre l'alcol, con molte sostanze aromatiche in soluzione, resta allo stato liquido. L'acqua viene così eliminata permettendo al grado alcolico di salire per via della sempre maggiore concentrazione. 

A causa del prezzo particolarmente elevato, la  Tactical Nuclear Penguin sarà disponibile su ordinazione a bottiglia. Per informazioni su disponibilità, condizioni di vendita scrivici a   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . (Si ricorda che Ales and Co vende solo ad operatori).

Ultimo aggiornamento Sabato 28 Novembre 2009 11:48
 

Nuovo impianto per BrewDog

Ultime
Mercoledì 25 Novembre 2009 12:17

BrewDog sta crescendo! Non solo per via del numero di birre che i birrai di Fraserburgh continuano a creare, ma ora, anche in possibilità produttive. Dopo Thornbridge, che a settembre ha inaugurato il nuovo impianto da 50 hl Bakewell, anche BreweDog ha deciso di cambiare impianto, crescendo non poco. É stato, infatti, da poco installato il nuovo impianto da 40 hl, esattamente il doppio rispetto a prima! Grande é l'entusiasmo tra lo staff del birrificio, come si può ben intuire dal filmato messo on line da BreweDog, e grande é sicuramente anche l'entusiasmo di tutti gli appassionati.

Dim lights

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 25 Novembre 2009 16:29
 

In arrivo Bashah e Nanny State

Ultime
Lunedì 23 Novembre 2009 14:21

Due importanti novità tra le proposte di Ales and Co. Stanno per arrivare due delle ultime nate in casa BrewDog: la Bashah, per il momento solo in bottiglia, e la Nanny State, sia in bottiglia che in key keg (fusto usa e getta). 

685ab55a6b20ec26ce041d405a608ec7_25535

Dopo aver prodotto la Juxtaposition, una Pils dai toni scuri, Brew Dog e Stone sono tornate a lavorare insieme per creare all'inizio di agosto la Bashah, una produzione unica e limitata che il birrificio di Fraserburgh definisce una Black Belgian Double IPA. La Bashah é una birra dal colore scuro, come indica il nome stesso, prodotta utilizzando tre malti - Pale, Caramalt e Chocolate - e cinque luppoli - Magnum, Hercules, Warrior, Amarillo e Centennial - gli ultimi due usati in dry hopping

nanny_state

La Nanny State, invece, é dichiarata da BrewDog come Imperial Mild, sebbene con le Mild condivida esclusivamente la bassa gradazione alcolica - 1,1 %. La Nanny State é una birra esperimento e non si sa ancora se entrerà a fare parte della produzione standard di BrewDog o, come la How to disappear completely, sarà una produzione rappresentata da un'unica cotta. Questa birra, se cosí si può definire - secondo la legislazione scozzese non lo é per via del grado alcolico - é stata una sorta di risposta di BrewDog alle polemiche per il grado alcolico della Tokyo (18,2%). Tra le sue caratteristiche principali ha, senza dubbio, l'elevato utilizzo di luppolo: 60 chilogrammi per ogni 20 hl, con un IBU teorico di 225, che fa della Nanny State la birra più luppolata prodotta dal birrificio.

Anche per contrastare la tassazione molto alta sull'alcohol la tendenza a produrre birre dal basso tenore alcolico si sta diffondendo sempre più. Viene per queste tipologie di birra utilizza una tecnica conosciuta come second runnings che prevede di fare fermentare il filtrato a basso estratto, prodotto secondario ottenuto dal lavaggio delle trebbie usate per la produzione di birre molto alcoliche.

Due grandi birre agli antipodi, da non lasciarsi scappare!

Ultimo aggiornamento Martedì 24 Novembre 2009 10:57
 
<< Inizio < 1 2 3 4 6 8 9 10 > Fine >>

Pagina 6 di 10