Home NOTIZIE Ultime

Ultime

Abbinamento birra e cibo, la pizza è l’unica opzione possibile?

Ultime
Scritto da Antonella Piscitello   
Mercoledì 04 Aprile 2018 16:31

alt

Il legame tra lievitati e fermentati è del tutto indissolubile. Cereali, acqua e lievito insieme ad un paio di altri ingredienti peculiari avvicinano pizza e birra creando un rapporto gastronomico e culturale difficile da scardinare. Anzi, potrebbe sembrare che in Italia, in cui la cultura gastronomica è storicamente legata al vino e ai suoi abbinamenti, quello accanto alla pizza, sia l’unico spazio a disposizione della birra.

In realtà, nel panorama di oggi questa associazione rischia di essere quantomeno riduttiva e anzi ci possiamo permettere di allargare un po’ questo orizzonte. Iniziamo parlando al plurale: gli abbinamenti tra pizze e birre non possono essere considerati al singolare. La varietà di farine, impasti e ingredienti fanno sì che l’abbinamento con la “classica birra bionda”, che per altro in questi termini non esiste, dato che le interpretazioni sono molteplici, non sia più sufficiente da solo. In più oggi si può tenere conto non solo dell’enorme varietà del panorama brassicolo nazionale e non, ma anche di tutte le opzioni in termini di ingredienti, ricette e preparazioni che la cucina oggi ha a disposizione. Esplorando il mondo degli abbinamenti in senso lato è necessario fare una distinzione di fondo ovvero decidere se procedere per accordo o per contrasto, o più semplicemente, tenere conto di entrambe le opportunità. Nel primo caso si mettono accanto cibi e bevande con le stesse caratteristiche gustative, nel secondo ci si pone l’obiettivo di riequilibrare il palato accostando sensazioni tattili o sapori tra di loro opposti. La riuscita di un abbinamento in ogni caso non sarà mai legata ad un’equazione matematica, ma piuttosto alla memoria sensoriale del soggetto e ovviamente alle singole preferenze. Per affrontare più nel dettaglio questo argomento, e includere piatti diversi dalla pizza, facciamo riferimento ad alcune delle diverse caratteristiche che è possibile trovare in una birra.

Ultimo aggiornamento Lunedì 09 Aprile 2018 09:30
Leggi tutto... [Abbinamento birra e cibo, la pizza è l’unica opzione possibile?]
 

Piccola fotografia sulla Norvegia brassicola

Ultime
Scritto da Giorgia Croce   
Giovedì 11 Gennaio 2018 17:23

 

 

Ah, il grande Nord!

Nonostante (troppo) spesso si tenda a generalizzare agglomerando cultura, tradizioni e usanze di “quei posti freddi dove il sole tramonta alle 3” farlo con la birra potrebbe rivelarsi una questione più delicata del previsto: non c’è uno stile unico o caratteristico e le informazioni che ci arrivano sono spesso limitate (causa anche della lingua dalla difficile interpretazione?).

Fino a qualche anno fa il movimento della birra artigianale era molto vivace soprattutto in Danimarca con un considerevole numero di birrifici emergenti di alto interesse, tra le quali c’era anche il “nostro” Mikkeller.

Oggi, realtà come quella Norvegese, con alla base una cultura brassicola spontanea e frammentata a livello regionale con produzioni tipiche come le Harvest Ale (birre prodotte durante il raccolto) e le Christmas Ale, hanno saputo affermarsi, evolversi e creare il proprio segmento di mercato, riuscendo, tramite un percorso di sperimentazione e un’accurata selezione della materia prima a dimostrare un fortissimo potenziale e una straordinaria apertura mentale.

Ultimo aggiornamento Giovedì 11 Gennaio 2018 17:49
Leggi tutto... [Piccola fotografia sulla Norvegia brassicola]
 

Uno sguardo al 2016 per la pinta del 2017!

Ultime
Scritto da Giorgia Croce   
Lunedì 02 Gennaio 2017 15:32

 

Il nuovo anno è arrivato e, prima di tornare al tran tran quotidiano, ci piace dare uno sguardo a quanto fatto finora per guardare a un 2017 entusiasmante e stimolante.

 

Il nostro 2016 ha visto l'inserimento di tre nuovi birrifici da tre nazioni diverse:

- Stone Berlin (Germania): il birrificio californiano, tra gli artefici delle Craft Beer Revolution americana, ha aperto l'attesa sede europea, scegliendoci per la distribuzione sul territorio italiano. Birre che hanno fatto la storia nella scena artigianale statunitense, come Stone Ipa, Arrogant Bastard Ale e Ruination Ipa, nel 2017 saranno una realtà consolidata nei formati in lattina e fusto kkeg.

- Black Sheep Brewery (UK): birrificio dello Yorkshire, nato da un'idea di Paul Theakston, dopo l'uscita dall'attività di famiglia. Black Sheep ha dato nuova linfa alla parte del nostro assortimento legata alla tradizione brassicola anglossassone, a noi molto cara.

- Oedipus (Paesi Bassi): ultimo in ordine cronologico ad unirsi a noi e primo birrificio olandese che abbiamo iniziato a distribuire. Realtà che si aggiunge alle tendenze moderne ispirate alle produzioni luppolate del Nuovo Mondo, Oedipus ci ha incuriosito per la creatività nella scelta di materie prime terze e per la capacità nel saperle usare.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 03 Gennaio 2017 09:27
Leggi tutto... [Uno sguardo al 2016 per la pinta del 2017!]
 

Merry Christmas & Happy Beers!

Ultime
Scritto da Giorgia Croce   
Martedì 08 Novembre 2016 15:59

banner birre di natale 16 1

clicca qui per scaricare il catalogo Christmas Beers 2016

In epoca recente i prodotturi di birra amano accompagnare i giorni di festa che si ripetono ogni anno sul calendario, con una birra a tema. Sono infatti nate così produzioni come Pumpkin King di Brewdog e Stingy Jack di Beavertown, birre alla zucca dedicate ad Halloween o Juniper Pale Ale di Rogue Ales pensata per la festa del ringraziamento americana. Ma nessun momento è così tradizionalmente rappresentativo per il mondo birraio, come il periodo natalizio. Basti pensare alla storia che possiedono le Christmas Ale in alcuni paesi (di cui avevamo parlato tempo fa in questo articolo), o più semplicemente a vero e proprio gruppo di prodotti riconducibile a questo periodo dell'anno, che racchiude stili identificabili e che muta ed evolve di anno in anno.

Se pensiamo ai primi assortimenti natalizi che vi proponevamo, la nostra mente ci porta ai grandi classici, dagli elfi Bad Elf e Very Bad Elf di Ridgeway a Christmas Ale di St.Peter's Brewery, colonne portanti e vere interpretazioni della tradizione brassicola "invernale" britannica.

 

A questa irrununciabile parte, negli ultimi due anni si è aggiunto l'elemento food pairing, ovvero produzioni che meglio possano accompagnare i cibi delle feste o che li vogliano in qualche modo riprodurre.  A questo aspetto hanno dato particolare attenzione Nøgne ø, To Øl e Mikkeller con prodotti come God Jul il primo, Jule Maelk e Shameless Santa il secondo e Ris a La M'Ale il terzo. In questo contesto è interessante l'inserimento nel mondo natalizio di birre acide, si pensi ad esempio a Sur Jul di Nøgne ø o a Winbic di Mikkeller.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 09 Novembre 2016 11:19
Leggi tutto... [Merry Christmas & Happy Beers!]
 

Torna la newsletter di Ales & Co!

Ultime
Scritto da Giorgia Croce   
Venerdì 21 Ottobre 2016 15:47

 

Vista la sempre maggiore frequenza dei carichi dal Nord Europa e dagli USA, abbiamo pensato di tornare a utlizzare lo strumento prezioso della newsletter per tenervi sempre aggiornati sui nuovi arrivi.

La nuova newsletter avrà cadenza settimanale e metterà in evidenza alcuni dei prodotti appena entrati in casa o per i quali è previsto un arrivo nell'arco di pochi giorni. Possono essere nuove produzioni che entrano a far parte dell'assortimento di una fornitore o birre speciali/one shot e quindi uniche in tutti i sensi!

Ogni newsletter sarà accompagnata da una nuova rubrica che abbiamo chiamato "pick of the week", facilmente traducibile con "birra della settimana", dove riproponiamo/riscopriamo un prodotto che ci ha particolarmente colpito o la cui bevuta è perfetta per il periodo in cui ci si trova. Questa settimana la scelta, sempre difficile vista l'ampio assortimento, è ricaduta su Porter di Black Isle, Porter biologica dalla bella tostatura secca che ben si abbina ad una crema di castagne ad esempio.

Iscrivetevi subito alla nostra newsletter per non perdervi più nessuna new entry di Ales & Co! E' molto semplice, si può fare dal nostro sito e basta 1 min (clicca qui il procedere con l'iscrizione). La prima newletter è stata inviata oggi, ma non disperate, chi se la fosse persa, può visualizzarla cliccando qui.

Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Ottobre 2016 16:34
 
<< Inizio < Prec. 1 3 4 5 6 7 8 9 10 > Fine >>

Pagina 1 di 10